google-site-verification: google0b89759c5c170d13.html Premio 100 € per i lavoratori dipendenti.
  • Studio Pollastro

Premio di 100 € per i lavoratori dipendenti.

L’Agenzia delle Entrate tramite la circolare n. 8/E del 3 aprile 2020 ha fornito alcune indicazioni operative per l’erogazione del premio di 100 € ai lavoratori dipendenti, previsto all’articolo 63 del Decreto “Cura Italia”, Decreto Legge n. 18/2020.

Il Decreto “Cura Italia” infatti, tra le altre misure, ha previsto un premio di 100 € a vantaggio dei lavoratori dipendenti che abbiano svolto attività lavorativa fisicamente all’interno dell’azienda nel corso del mese di marzo 2020.

L’intenzione del Governo è intuitivamente quella di riconoscere una forma di risarcimento per il disagio subito dal lavoratore chiamato a prestare comunque servizio anche in un periodo di rischio.

Va precisato che il premio è riservato ai lavoratori dipendenti e quindi con conseguente esclusione dei lavoratori che abbiamo un rapporto di mera collaborazione, ovvero un rapporto di natura libero professionale.

Vanno considerati lavoratori dipendenti anche i soci di cooperativa che unitamente al rapporto associativo abbiano in corso un contestuale rapporto di lavoro dipendente con la società.

Il premio dei 100 € viene erogato in proporzione ai giorni di effettiva presenza in azienda nel corso del mese di marzo 2020, per l’effetto otterranno l’intero premio i lavoratori dipendenti che abbiano prestato servizio nel rispetto del loro normale orario lavorativo, all’interno della sede dell’azienda.

Ne consegue che il premio non verrà erogato in relazione a giorni di sospensione/assenza dal lavoro per ferie, malattia o congedo.

Neppure verrà erogato per il lavoratori che abbiano svolto la loro prestazione con modalità smart working, in quanto lo scopo della norma è proprio quello di compensare il disagio determinato dalla presenza fisica sul luogo di lavoro.

Va sottolineato che sono equiparati a lavoratori in azienda anche coloro che abbiano prestato lavoro in trasferta presso stabilimenti di clienti.

Essendo tale premio connesso alle giornate lavorative, hanno diritto al medesimo contributo anche i lavoratori part-time.

Nel caso in cui il lavoratore abbia in corso due rapporti di lavoro part-time, la richiesta del premio potrà essere inoltrata solo ad uno dei due datori di lavoro, indicativamente quello con rapporto di lavoro prevalente.

Il bonus è riservato ai lavoratori che abbiano percepito nel corso dell’anno 2019 un reddito da lavoro dipendente non superiore a 40.000 € lordi fiscale.

Come chiarito dall’Agenzia dell’Entrate, ai fini della individuazione della soglia dei 40.000 € non dovranno essere calcolate le somme percepite assoggettate a tassazione separata, in particolare eventuali TFR ricevuti nel 2019.

Per poter ottenere il premio il lavoratore dovrà presentare al proprio datore di lavoro una auto-dichiarazione che attesti il non superamento della soglia dei 40.000 €; mentre per quanto riguarda il calcolo dei giorni lavorati l’operazione verrà effettuata direttamente dal datore di lavoro.

Il premio, pur venendo erogato direttamente in busta dal datore di lavoro non andrà a formare il reddito annuale e come tale sarà esente da imposte.

0 visualizzazioni